Progettazione

Progettazione Bianchetti II° livello: rendering e rendering 360°

A seguito dell’articolo sul prospetto in pianta e stima preliminare dei costi della scorsa settimana, in questo post vedremo un po’ più in dettaglio quali sono i vantaggi offerti dal secondo livello di output di progettazione offerto da Bianchetti: rendering e rendering a 360 gradi.

Innanzitutto è bene dire che questo rendering e rendering a 360° sono servizi che non sostituiscono la progettazione in pianta e il prospetto 3D, ma si configurano come uno sviluppo successivo e che, appunto, questi ultimi sono propedeutici all’output del rendering.

Lo scopo del rendering, come già anticipato nell’articolo iniziale di questo focus sulla progettazione Bianchetti, è quello di offrire alla committenza una visione più completa del risultato finale dell’intervento edilizio.

A fronte di un costo iniziale aggiuntivo generalmente piuttosto contenuto, la progettazione con rendering e, ancor più quella con rendering navigabile a 360°, consente di risolvere ogni dubbio correlato alla suddivisione degli spazi e degli ambienti.

Nella maggior parte dei casi, permette cioè al cliente, tipicamente non addetto ai lavori e quindi con scarsa capacità d’immaginazione del risultato finale senza un supporto visivo, di arrivare a definire nel dettaglio quali saranno gli utilizzi degli ambienti. In altre parole, offre una maggior consapevolezza e sicurezza sul come procedere con l’intervento edilizio e ciò si traduce, dapprima, in risparmio di tempo, accorciando cioè i tempi di consegna del lavoro, e, conseguentemente, in un risparmio economico sul costo totale dell’intervento.

Di più, si consideri che i rendering, con particolare riferimento a quello a 360°, sono oggigiorno realizzati con software sofisticati che, grazie a realistiche rappresentazioni di ombre, luci, materiali, colori, superfici (come legno, mattonelle, resine) eccetera, facilitano moltissimo il “farsi un’idea” concreta di quale sarà l’effetto d’insieme anche delle finiture e dell’arredamento.

Anche qui si ottengono, quindi, un vantaggio in termini di tempo e una maggior sicurezza nelle scelte, ma anche un vantaggio economico, poiché se le posizioni sono definite correttamente già in fase di progettazione, gli impianti elettrici, idraulici e l’illuminazione, saranno implementabili con tranquillità e senza la necessità di fare aggiustamenti o spostamenti in corso d’opera: evita, in sostanza, l’insorgere di costi accessori inutili e il dilungarsi dei tempi di consegna.

Possiamo ragionevolmente dire che il rendering concede al cliente un’ottima comprensione degli spazi già in fase di progettazione, e che il rendering a 360° presenta un livello di rappresentazione anche maggiore, in cui si arriva a definire ogni dettaglio dell’intervento e a immaginarsi realmente all’interno di quello che sarà il lavoro finito.

Per produrre rendering e rendering a 360° di qualità e davvero fotorealistici come quelli Bianchetti che è possibile vedere nelle immagini di questo articolo (immagini di caso reale e sempre relative all’intervento di cui abbiamo visto la pianta nel precedente articolo), oltre a software costosi sono necessarie anche competenze di alto livello.

Questo servizio ha pertanto un costo, sebbene largamente accessibile, che nell’esperienza Bianchetti e secondo la sua filosofia di servizio chiavi in mano, non solo è ampiamente giustificato dalla consapevolezza e dalla tranquillità che concede al cliente, ma anche è recuperato attraverso il risparmio sui tempi e sulle revisioni in corso d’opera.

Interessato alla progettazione con Rendering e Rendering a 360° per il tuo intervento edilizio?
Contatta ora un project manager Bianchetti per maggiori informazioni.

Clicca qui per visualizzare il rendering a 360° della mansarda

Di seguito in questa galleria il rendering classico della mansarda con due varianti colore per il soffitto in legno a vista

Precedente Successivo

Leggi anche...

1 Commento

  • Reply Progettazione Bianchetti III° livello: la realtà virtuale in architettura – Fratelli Bianchetti 4 agosto 2016 at 15:40

    […] In questo post andremo a scoprire quali vantaggi permette la realtà virtuale in architettura, in particolare d’interni, terzo output di progettazione che è possibile richiedere a Bianchetti. Questo articolo fa, infatti, seguito a quelli sulle tipologie di progettazione architettonica che Bianchetti può offrire, insieme a progettazione in pianta e stima preliminare dei costi, e alla progettazione con rendering e rendering a 360°. […]

  • Scrivi un commento